Ernährung, Kräuter Frau & Familie, Erziehung Frau & Film Frau & Gesellschaft Frau & Gesundheit Frau & Mode Donna & politica Frau & Politik Frau & Schönheit Frau & Veranstaltungen Frau & Vorbilder Frau & Wirtschaft Frau des Monats La donna del mese Frauen & Kunst & Musik Haushalt & Wirtschaften im www aufgeschnappt Interviews Männer News ichfrau News im Frauenmuseum Rubrik Tante Rosa Rubrica zia Rosa Rund ums Lesen Zitat zum Montag

“Per me il successo è essere felici”

0

La nostra donna del mese di luglio: Arianna Tricomi

Arianna Tricomi è la freeride, originaria dell’Alta Badia che attualmente ha causato un certo scompiglio tra l’élite della sua disciplina sportiva – come prima italiana che ha vinto il Freeride World Tour. Ciò che fa, suscita in noi contemporaneamente pelle d’oca, piedi freddi ed entusiasmo. Nell’intervista Arianna ci racconta come è arrivata allo sci fuori pista e cosa le piace di questa disciplina sportiva.

Qual’è la cosa migliore del freeride?

La libertà di poter lasciare sulla neve la propria traccia.

Quando ti è nata la passione per questo sport?

Fin da piccola ho sempre sciato molto nella neve fresca assieme a mia mamma. Ho praticato a lungo lo sci alpino, ma dopo che aveva appena nevicato, mi piaceva moltissimo sciare nella neve fresca, quindi è una passione di una vita.

Due mesi fa hai conquistato il titolo mondiale a Verbier in Svizzera. Quale è il tuo prossimo obiettivo?

Divertirmi sciando. Ho comunque intenzione di ottenere altri buoni risultati, ma prima di tutto non voglio perdere la gioia di sciare.

Quale è stata la cosa più emozionante e più esaltante che hai vissuto facendo freeride?

Ci sono stati moltissimi episodi, ma la volta che ho sorvolato con l’elicottero le montagne dell’Alaska, mi si è fermato a dir poco il respiro.

Ogni tanto senti la paura o sei particolarmente nervosa?

Si, certo, fa parte del gioco. Bisogna però sempre ricordarsi di rispettare la montagna e la natura senza sentirsi mai troppo potenti.

Che cosa fai quando non sei sui tuoi sci?

Mi piace molto stare all’aperto nel bosco, ogni volta che posso vado in mountainbike o a fare escursioni. Mi piace molto anche andare con il surf. E prima o poi lavorerò come fisioterapista.

Quale è stato il motto di quest’ultimo?

Non c’é nulla di scontato.

Chi ammiri?

Mia mamma.

Che cosa vuol dire per te successo?

Essere felice.

La tua massima di vita?

Cerca ogni giorno di fare meglio del giorno prima.

 

Leave A Reply